Il Piccione Impiccione

Chi propone il menù ?

Il menù viene proposto da esperti qualificati (nutrizionisti, dietisti, operatori del settore della Ristorazione Scolastica), che, in base ad indicazioni generali fornite dall’Amministrazione Comunale, elabora una proposta di menù appropriato alle caratteristiche  fisiologiche  dei  bambini che usufruiscono del pasto di mensa.

Quali caratteristiche deve avere un menù?

Un menù deve soddisfare due requisiti fondamentali :

  • le esigenze nutrizionali dei bambini in termini di introiti calorici, di macronutrienti (proteine, carboidrati e grassi) e di micronutrienti (vitamine, minerali ) e antiossidanti (polifenoli). Il pasto del pranzo ,nello specifico, deve coprire il 40 % dei fabbisogni nutritivi dell’intera giornata .
  • La varietà degli alimenti, è in grado di fornire tutti i nutrienti necessari non solo alla crescita del bambino, ma anche alla prevenzione di possibili carenza nutritive. L’aspetto della varietà del menù è regolata dalle Linee Guida per una Sana ed Equilibrata alimentazione, per la Popolazione Italiana. Un cenno particolare meritano gli antiossidanti, la cui presenza ottimale nei prodotti ortofrutticoli viene garantita dal rispetto della stagionalità e territorialità. Alla base di tutto resta, comunque, di fondamentale importanza il soddisfacimento dei gusti dei bambini, per i quali il pasto di mensa deve essere un momento di piacevole scambio e convivialità, oltrechè un momento educativo volto ad elaborare un proprio modello alimentare basato su scelte consapevoli e salutari.

Come vengono decisi gli abbinamenti del menù e quali alimenti non devono mancare nel menù?

L’abbinamento degli alimenti viene deciso in base alle tradizioni gastronomiche nazionali e locali e la composizione del  pasto è sempre data da:

  • Un primo piatto , formato da cereali e legumi .
  • Un secondo piatto rappresentato da una fonte proteica a rotazione tra carne , pesce , uova formaggi e salumi.
  • Un contorno di stagione rappresentato da verdure cotte o crude, fonte di vitamine , sali minerali e fibre, vengono considerate verdure pure gli ortaggi amidacei (carote , patate)
  • Un frutto di stagione, per favorire un adeguato apporto di vitamine, sali minerali e fibre . E un pezzo di pane fonte di carboidrati .

Il pasto per essere completo deve essere sempre composto da una fonte di carboidrati, una di proteine ed un grasso, che nella nostra tradizione è costituito dal preziosissimo olio extra vergine d’oliva. Gli abbinamenti vengono decisi in base alla rotazione settimanale dei singoli alimenti, il menù , prevede che nello stesso giorno della settimana l’offerta sia diversa nelle settimane, al fine di evitare la monotonia in chi fruisce del pasto di mensa solo in alcuni giorni della settimana

 

QUALI INVECE BISOGNA CONSUMARE IN MODO MENO FREQUENTE?

Occorre porre attenzione a non eccedere o ad evitare il consumo di alimenti altamente zuccherini, sia perche’ possono danneggiare la salute dei bambini sia, perche’ favoriscono l’insorgenza di carie dentarie. evitiamo tutto cio’ che e’ dolciumi, caramelle, gomme da masticare e succhi di frutta, i cui zuccheri rimangono facilmente attaccati ai denti. altro problema derivato dall’assunzione di un eccesso di questi alimenti e’ dato dal fatto che peggiorano la capacita’ di attenzione e concentranzione, a causa di meccanismi ormonali che si innescano nell’organismo, determinando fenomeni di iperattivita’.

Anguillara Sabazia, 3/12/2018                                                       I rappresentanti

Aysha Elkeblaw

Costanza Rosi

Emma Sofia Catarci

Giada Di Carlo